Uno studio radio, un microfono, una tarda sera. Questi gli ingredienti di A late night in the future, il nuovo programma radio coordinato da Fondazione Teatro Due e dal Centro Universitario Teatrale dell’Università di Parma che trae il suo titolo da un capolavoro di Samuel Beckett, L’ultimo nastro di Krapp. In onda ogni due settimane, il programma è un viaggio nel teatro in tutte le sue forme, dall’esplorazione dei temi e gli argomenti che sottendono alla stagione del Teatro Due, all’approfondimento sugli aspetti più affascinanti e misteriosi del mondo teatrale tout-court. Protagonisti sono gli studenti universitari del CUT, coordinati da Fondazione Teatro Due, che curano sia la scrittura che la fase più propriamente radiofonica: il programma è un vero e proprio radiodramma che si dipana di puntata in puntata, e in cui vediamo diversi personaggi che agiscono e si fanno domande, tra intermezzi di approfondimento, spunti ironici e curiosità sul teatro.
Il tutto nella singolare atmosfera dello studio di RadioRevolution, la radio dell’Università di Parma, che diventa il luogo dell’azione teatrale di una tarda sera nel futuro.