Re Lear

di William Shakespeare

interpreti
Conte di Gloucester
Fosco Giachetti
Conte di Kent Mario Ferrari
Cordelia Wandisa Guida
Curano Mario Morelli
Duca d’Albania Luciano Alberici
Duca di Borgogna Daniele Tedeschi
Duca di Cornovaglia Ottorino Guerrini
Edgardo Nando Gazzolo
Edmondo Raoul Grassilli
Gonerilla Neda Naldi
Il Matto Mario Bardella
Lear Salvo Randone
Osvaldo Pietro Privitera
Re di Francia Carlo Cataneo
Regana Anna Miserocchi
Un medico Giampaolo Rossi
Un vecchio Armando Benetti

anno 1960
regia Sandro Bolchi

12 ottobre, ore 17.00

Il dramma comincia con la decisione di re Lear di abdicare e dividere il suo regno fra le tre figlie Goneril, Regan e Cordelia. Le prime due sono già sposate, mentre Cordelia ha molti pretendenti, in parte perché è la figlia preferita dal padre. In un eccesso di vanità senile, il re propone una gara: ogni figlia riceverà dei territori in proporzione all’amore verso il padre che saprà dimostrare con le sue parole. Ma il piano fallisce. Cordelia si rifiuta di gareggiare con l’adulazione delle sorelle maggiori, poiché è convinta che i suoi veri sentimenti sarebbero immiseriti dall’adulazione rivolta al proprio vantaggio. Lear, per ripicca, divide la quota del regno che le spetterebbe fra Goneril e Regan, e mette al bando Cordelia. Tuttavia il re di Francia la sposa, benché diseredata, poiché apprezza la sua sincerità.

Poco dopo aver abdicato, Lear scopre che i sentimenti di Goneril e Regan verso di lui si sono raffreddati; ne nascono discussioni. Il conte di Kent, che ha preso le difese di Cordelia ed è stato messo al bando, ritorna travestito da Caio, un servo che vuole proteggere il re al quale resta fedele. Nel frattempo, Goneril e Regan litigano a causa della loro attrazione per Edmund, figlio illegittimo del conte di Gloucester, e sono costrette ad affrontare un esercito francese, guidato da Cordelia, mandato a ricollocare sul trono Lear. Si combatte una guerra devastante.

La trama secondaria coinvolge il conte di Gloucester e i suoi due figli, Edgar ed Edmund. Edmund inventa racconti calunniosi sul fratellastro legittimo; Edgar è costretto all’esilio e a fingersi Tom, il pazzo di Bedlam, proverbiale pazzo di quel tempo. Edmund corteggia Goneril e Regan. Il conte di Gloucester, che fa condurre Lear a Dover dalla sola figlia fedele, è catturato dagli scagnozzi del duca di Cornovaglia, marito di Regan, e da lui torturato ma è salvato da alcuni servi di quest’ultimo che accusano il duca di aver trattato ingiustamente Lear. Il duca, ferito da un servo (che viene ucciso da Regan), abbandona il conte di Gloucester nella tempesta dopo averlo accecato, affinché riesca solo a “fiutare la strada per Dover”. Poco dopo il duca di Cornovaglia muore per la ferita riportata. Nella scena della tempesta Lear esclama che è “più un uomo contro il quale si pecca che un peccatore”.

Edgar, ancora travestito da pazzo vagabondo, scopre il conte di Gloucester abbandonato nella tempesta. Il conte gli chiede la strada per Dover, e Edgar risponde che lo guiderà lui. Il conte non riconosce la voce del figlio, che è turbato dall’incontro col padre cieco.

A Dover, Lear si aggira farneticando. Il conte di Gloucester tenta di uccidersi gettandosi da una roccia, ma il figlio Edgar, con l’inganno, lo salva; poco dopo incontra il re Lear e Cordelia si incontrano e rappacificano poco prima della battaglia tra Britannia e Francia. Dopo la sconfitta dei francesi, fatto prigioniero con la figlia, Lear pensa con gioia alla prospettiva di vivere in prigione insieme a lei, ma Edmund ordina che essi siano condannati a morte.

Il duca di Albany accusa Edmund di tradimento e lo arresta, insieme alla moglie Goneril, sfidandolo a duello. In quella, appare Edgar in armi – ma ancora travestito – che si scontra con Edmund e lo ferisce a morte. A questa vista, Goneril, che per gelosia ha già avvelenato Regan, si uccide. Edgar rivela a Edmund la propria identità e lo informa che il conte di Gloucester è appena deceduto. Nell’apprendere questo, e le morti di Goneril e Regan, Edmund riferisce di aver disposto l’uccisione di Lear e Cordelia, e dà ordine che l’esecuzione sia sospesa – forse il suo unico gesto di bontà in tutto il dramma.

Disgraziatamente, la sospensione arriva troppo tardi. Lear appare sulla scena portando fra le braccia il cadavere di Cordelia, dopo aver ucciso il servo che l’ha impiccata, poi muore anch’egli di dolore.