un progetto di Carmelo Rifici e Alessio Maria Romano testo Sonia Antinori

Il buio, inteso metaforicamente come l’incapacità (o l’impossibilità) di guarire, lasciarsi curare, riuscire a curare, prevede come sola possibilità di guarigione il recupero dell’ascolto, della conoscenza e della condivisione. In un unico grande agglomerato urbano del nord Italia si intrecciano tre storie, tutte ambientate in un unico grande agglomerato urbano del nord Italia, connesse da coincidenze, incontri e sovrapposizioni che vanno a innervare un affresco della realtà dei nostri ultimi anni. Qui non vedremo la guerra o gli incubi notturni negli occhi di coloro che ne sono ossessionati. Qui dell’orrore vedremo solo gli effetti. Buio è il culmine di un progetto, iniziato nel 2007, che ha attraversato diverse fasi di lavoro. Articolato in zone “diurne”, che raccontano le storie concrete dei protagonisti con dialoghi secchi e quotidiani scritti dall’autrice Sonia Antinori, e in “notturni” momenti di tempo sospeso in cui i personaggi si incontrano come isole di sogno seguendo una drammaturgia fisica creata dal coreografo Alessio Maria Romano, lo spettacolo sottende, a tutte queste storie, questo buio. Ultima creazione del regista Carmelo Rifici, Buio è l’affresco di un’Italia che deve affrontare la propria malattia e riuscire a sopravvivere ad essa.

con Ilenia Caleo, Alessia Giangiuliani, Tindaro Granata, Mariangela Granelli Emiliano Masala, Francesca Porrini, Alessio Maria Romano, Raffaella Tagliabue

scene e costumi Margherita Baldoni, Guido Buganza 
luci Luca Bronzo 
suoni Daniele D’Angelo
video Alessandro Ferroni
operatore video Andrea Romanini
assistenti alla regia Paolo Taccardo, Filippo Bisagni
assistenti alle coreografie Caterina Carpio, Pablo Franchini
movimenti coreografici Alessio Maria Romano
regia Carmelo Rifici produzione Fondazione Teatro Due
si ringrazia Fondazione Ilaria Alpi

 

X