dallaglio_whiteNato il 4 maggio 1943, inizia a lavorare in scena nel 1963 come attore prima, poi come regista e direttore del Teatro universitario di Parma.
Per molti anni direttore del Festival internazionale del Teatro Universitario o organizzatore delle manifestazioni culturali collaterali. Laureato in Storia del Teatro con una tesi sul “Maggio drammatico cantato”. Socio fondatore di una delle prime cooperative di Teatro in Italia: “La compagnia del Collettivo” (un’irripetibile esperienza di lavoro di gruppo), del “Teatro due “(direttore artistico), del “Teatro stabile di Parma” e del Festival internazionale di Teatro (vice presidente). Insegnante di Teatro e conduttore di stage in varie scuole d’arte drammatica: Paolo Grassi a Milano (attualmente) ed in altre città in Italia e all’estero: Strasburgo, Francoforte, S.Paulo, Rio de Janeiro, Tunisi, ecc. Curatore e consulente di convegni nazionali e internazionali su temi teatrali e di un progetto per la creazione di una Facoltà del Teatro presso l’università IUAV di Venezia. Docente alla facoltà di Scienze teatrali presso la sede dello IUAV di Venezia. Regista e Attore (sotto diversi registi : Jerkovijch, Le Moli, Però, De Capitani, Bayen –in lingua francese-, Binasco, sé stesso), in alcune occasioni anche scenografo. Più di 150 spettacoli tra prosa e lirica in Italia e all’estero (varie città e capitali europee, Stati Uniti, Sud America, Australia). Tra questi i più importanti degli ultimi anni : L’Istruttoria di P. Weiss (in scena ininterrottamente dal 1984), tre testi di Shakespeare: Amleto, Macbeth, Enrico IV visti per più di dieci anni in molte capitali europee e rassegne extraeuropee, uno spettacolo su Buchner (A che punto siamo della notte) e una Trilogia (Antigone,Edipo re, Edipo a Colono) di Sofocle presentati spesso in manifestazioni internazionali; una prima nazionale assoluta de’ Le nozze di Canetti e due creazioni sulle figure di Freud e di Francesco d’Assisi. Tra gli ultimi lavori che hanno “girato” in Italia: un Molto rumor per nulla e, sempre di Shakespeare (per un totale di una decina di testi), La bisbetica domata e Come vi piace per l’apertura alla prosa del Teatro Farnese di Parma; una Bottega del caffè che si accoppia ad un altro Goldoni: La bancarotta, cooprodotto col teatro di Reims, Vita di Galileo di Brecht e L’Idiota da Dostoievkj. Le ultime cose: sette regie teatrali e televisive di altrettanti atti unici contemporanei commissionate da RAI international, e uno spettacolo tratto dai Laudari perugini nel chiostro di S.Lorenzo della cattedrale di Perugia. Oltre che in lingua francese (attore e regista), spettacoli in altre lingue sono un Giulio Cesare di Shakespeare al TTT in Finlandia, Bigatis di Bartolini e Patui in lingua friulana a Udine e Il massacro di Parigi di Marlowe in arabo classico al Teatro nazionale di Tunisi. Nella lirica opere di Verdi, Puccini, Hoffenbach, Malipiero e Satie.

Leave a Comment

0

Start typing and press Enter to search

X