Nasce da un’idea di Alessandro Nidi, Le lacrime degli eroi, uno spettacolo teatrale con Moni Ovadia e l’orchestra Nidi Ensemble – oltre al M° Nidi (direzione orchestra, pianoforte e voce) sul palco anche Giovanna Famulari (violoncello e voce), Sebastiano Nidi (timpani, vibrafono, percussioni e voce), Tea Pagliarini (corno e voce), Filippo Nidi (trombone, tastiera elettronica e voce). Il melologo, basato su testi di Omero, Matteo Nucci e Gianluca Collo, verrà presentato venerdì 1 ottobre alle 20.30 a Teatro Due.

“Nel periodo più duro della pandemia – racconta Nidi – leggo il libro di Matteo Nucci Le lacrime degli eroi. Rimango colpito e affascinato da quelle pagine e le associo immediatamente al periodo che tutti stiamo vivendo. Chiamiamo eroi quei medici e infermieri che abbiamo visto molto spesso commuoversi fino alle lacrime nel racconto che la televisione ci propone senza tregua. Eroi che piangono. Trovo una lettera di un medico, Gianluca Collo, che approfondisce quell’immenso disagio. Unisco i due scritti e così nasce questo spettacolo che vuol parlare delle lacrime che tutti noi abbiamo versato in questi anni; ma lo vuol fare con le parole di Omero, con i racconti di Achille, Patroclo, Ettore, Priamo e con gli illuminanti pensieri di Matteo Nucci. Un melologo musicale che ha una genesi ben precisa: 1985 Parma Teatro Due, Ultimo canto dell’Iliade. Voce recitante Tania Rocchetta. Regia Walter Le Moli. Musicai questo canto, il commovente incontro fra Priamo e Achille, con una sorta di passacaglia. Una ripetizione di armonie che variavano di volta in volta fra temi e improvvisazioni. Quelle musiche le ho riprese ora per Le lacrime degli eroi. Modificandole, inventando altre melodie. Ma vivono ancora proprio perché figlie di quel vecchio progetto …”

Lo spettacolo è a ingresso gratuito fino ad esaurimento posti. È obbligatoria la prenotazione.
Biglietteria Fondazione Teatro Due: tel. 0521230242 – email: biglietteria@teatrodue.org

X