IL BUGIARDO

di Carlo Goldoni

adattamento Valerio Binasco
con Maurizio Lastrico
e Popular Shakespeare Kompany

Colombina Maria Sofia Alleva
Dottor Balanzoni Fabrizio Contri
Ottavio Andrea Di Casa
Pantalone Michele di Mauro
Beatrice Elena Gigliotti
Lelio Maurizio Lastrico
Rosaura Deniz Özdŏgan
Brighella Nicola Pannelli
Arlecchino Sergio Romano
Florindo Roberto Turchetta
Cameriere/vetturino/portalettere Simone Luglio

Musiche originali Arturo Annecchino

Scene e Costumi Carlo de Marino

Luci Pasquale Mari

regia Valerio Binasco

regista assistente Simone Luglio

direttore allestimento Ronni Bernardi

costumista collaboratrice Giuliana Minaldi

elettricista Tiziano Ruggia,
fonico Gianluca Viola,
sarta Maria Giovanna Stinga,

Produzione Fondazione Teatro Due /Popular Shakespeare Kompany

in collaborazione con Oblomov Films Srl  

16 e 17 febbraio 2016
Cremona
– Teatro Ponichielli

18 febbraio 2016
Novi Ligure
– Teatro Giacometti

Dal 19 la 21 febbraio 2016
Pavia
– Teatro Fraschini

22 febbraio 2016
Sondrio
– Teatro Sociale

24 e 25 febbraio 2016
Ascoli Piceno
– Teatro Ventidio Basso

27 e 28 febbraio 2016
La Spezia
– Teatro Civico

Dall’1 al 13 marzo 2016
Milano
– Teatro Elfo Puccini

15 marzo 2016
Rovereto– Teatro Comunale Zandonai

Dal 17 al 20 marzo 2016
Prato
– Teatro Metastasio

22 e 23 marzo 2016
Casalemonferrato
– Teatro Municipale

Dal 29 marzo al 10 aprile 2016
Torino
– Teatro Carignano

11 e 12 aprile 2016
Locarno
– Teatro di Locarno

13 aprile 2016
Chiasso
– Cinema Teatro Chiasso

14, 15, 16 aprile 2016
Genova
Teatro Politeama

17 aprile 2016
Casalmaggiore – Teatro Comunale

 

 

Il Bugiardo è una commedia celeberrima, ricca di gag e di fulminanti trovate comiche. Gli equivoci che danno vita alla storia non sono però voluti solo da un festoso gusto teatrale, ma sono il risultato di una patologia tutta umana: il protagonista, Lelio, con le sue continue menzogne, innesca un meccanismo perverso e inesorabile che lo porterà alla rovina, al violento allontanamento dalla società in cui tenta disperatamente di inserirsi. Lelio è uno sbruffone e un bugiardo, ma è sostanzialmente un disadattato, vittima di una società troppo seria, troppo avida e incapace di affetti che non siano dettati dall’interesse o dal conformismo. E’ un essere umano dimenticato da tutti, addirittura dal padre, assente fin dalla sua giovinezza. Insofferente alle costrizioni, tenta di liberarsene con ogni mezzo, ma è tutto inutile: Lelio, che vive in un mondo tutto suo, è vittima del mondo degli altri. Ostaggio del mondo ipocrita e piccolo borghese di Pantalone, nella sua rivolta contro il modo dei padri, appare quasi un seguace di Don Giovanni.
Attorno a questa figura tragicomica ruota una galleria di personaggi buffi e crudeli, avidi, sospettosi e creduloni. Anche le donne, in questa commedia, pur essendo vittime di una società patriarcale severa e durissima, non sfuggono al conformismo messo in ridicolo dalle menzogne di Lelio. E’ una commedia divertentissima e cattiva. Il malessere e la paura serpeggiano tra le battute frizzanti. Come aveva capito benissimo Fassbinder, e come sostiene con acutezza Roberto Alonge, Goldoni è un autore moderno, con lampi di vera contemporaneità. Il Bugiardo offre molte occasioni per una regia ispirata dal gioco del teatro, che si avvale di un gruppo di attori formidabili, capaci di trascinare il pubblico e di sorprenderlo continuamente. Il Bugiardo è un punto di arrivo importante per la nostra Kompany, da qualche anno impegnata a proporre letture molto vivaci dei classici del teatro, salutate dal pubblico con entusiasmante successo. Tratteremo Goldoni così come abbiamo trattato Shakespeare: cercando di evidenziarne al massimo la forza poetica, i sentimenti più coinvolgenti e la contemporaneità. La nostra Compagnia ha uno stile essenziale e vivace che penso possa ben adattarsi a Goldoni, avvicinandolo ai grandi autori della nostra epoca, come Brecht, come Brook, e imprimendogli un ritmo narrativo agile come quello del cinema. Goldoni è il più popolare dei nostri autori. Credo che incontrarlo sia nel naturale destino di una Compagnia che, fin dal suo nome, vuole essere Popular.

Valerio Binasco

Leave a Comment

0

Start typing and press Enter to search

X