casa degli artisti 2021
casa degli artisti 2021

CASA DEGLI ARTISTI 2021

A seguito delle selezioni la Commissione ha ammesso al corso Casa degli Artisti

Amico Gaia, Ariemma Gianluca, Berardi Camilla, Canzini Riccardo, Cicero Santalena Antonino, Cornoni Federico, Cupidio Elena, Dall’Olio Anna, De Sarno Simona, Di Leo Rita Agatina, Di Prima Francesca, Drei Veronica, Ferrara Andrea, Giordani Massimo, Indiveri Domenico, Lorusso Nicola, Marchionni Francesca, Mattei Andrea, Meniconi Giulia, Pedone Alfonso, Scuro Claudia

 

dal 7 gennaio 2022 sono iniziate le lezioni in presenza

Ri-traendo linfa vitale dalle proprie origini, in particolare dall’esperienza di Teatro Due, nato cinquant’anni fa con l’intento di rispondere alle deficienze di una congiuntura teatral-culturale imperante, il progetto Casa degli Artisti si propone di creare un luogo dove l’artista, liberato dalle logiche burocratiche  e dalle forme di finanziamento tradizionali, possa affrontare serenamente e in autonomia la codificazione di una nuova grammatica espressivo produttiva, realmente consona ai modi della vita postmoderna e “critica” rispetto alle degenerazioni della “società dello spettacolo”.

L’analisi dell’attuale sistema teatrale italiano rivela che la nostra civiltà dello “spettacolo in presenza” ha raggiunto un ormai improcrastinabile punto di svolta. Così come il cosiddetto teatro di regia e le forme produttive ad esso collegate hanno ormai ampiamente dimostrato di avere esaurito la loro funzione storica, la canonica ripartizione delle arti in compartimenti stagni tra loro scarsamente e per lo più saltuariamente comunicanti, la doppia logica produttiva dell’organizzazione dell’evento o della “deriva degli esercizi”, la trasformazione della ricerca da prassi linguistica a puro stile, il divorzio tra cultura materiale del teatro e intellighenzia, tra lavoro artistico e riflessione teorica, la latitanza dei committenti, la polverizzazione dei pubblici, un’esterofilia “di moda” incapace di trasformarsi in serio dialogo interculturale – tutti tratti peculiari della nostra odierna organizzazione artistico/teatrale – hanno prodotto un lento ed inarrestabile isterilimento delle diverse esperienze estetiche.

A seguito delle selezioni la Commissione ha ammesso al corso Casa degli Artisti

Amico Gaia, Ariemma Gianluca, Berardi Camilla, Canzini Riccardo, Cicero Santalena Antonino, Cornoni Federico, Cupidio Elena, Dall’Olio Anna, De Sarno Simona, Di Leo Rita Agatina, Di Prima Francesca, Drei Veronica, Ferrara Andrea, Giordani Massimo, Indiveri Domenico, Lorusso Nicola, Marchionni Francesca, Mattei Andrea, Meniconi Giulia, Pedone Alfonso, Scuro Claudia

 

dal 7 gennaio 2022 sono iniziate le lezioni in presenza

Il rapporto tra parola e musica, tra azione scenica e tessitura musicale ne L’opera del mendicante di John Gay. L’indagine della forma del teatro classico in funzione recitativa e drammaturgica viene portato avanti con un progetto su Alcesti di Euripide. Un filone di ricerca dedicato al corpo nello spazio e sul rapporto tra parola e danza: Sonnets Dance #121, creazione originale a partire dai sonetti shakespeariani.

alcesti casa degli artisti 2016
Oltre la soglia, a cura di Elisabetta Pozzi

Prosegue la ricerca sul rapporto tra parola e musica, tra scrittura in versi e Incidental Music – musica scritta per accompagnare o sottolineare un’azione o uno stato d’animo all’interno di uno spettacolo teatrale – nella pantomima in 3 atti Augustin. Lo studio drammaturgico viene condotto tramite il lavoro sui testi La casa di Bernarda Alba di Lorca e Doglie d’amore sprecate di William Shakespeare.

augustin casa degli artisti 2018
Il caro Augustin, a cura di Monique Arnaud

Gigi Dall’Aglio conduce un lavoro che parla alla società contemporanea, un invito perentorio a fermarsi per rispondere a domande scomode e pericolose: Bertolt Brecht e Kurt Weill sono il bacino da cui attinge A carico di tutti c’è qualcosa. Il mondo di Henrik Ibsen viene esplorato in una creazione dall’immaginario distopico e perturbante guidata dal regista e scenografo ungherese Csaba Antal.

wer bist du casa degli artisti 2019
Wer bist du?, a cura di Csaba Antal

Tra le opere più controverse e sperimentali di William Shakespeare figura certamente Troilo e Cressida, una commedia cinica che ripercorre alcuni episodi della guerra di Troia, ma discostandosi completamente dal registro epico. Agamennone e Oreste di Alfieri sono la strada scelta per un percorso di studio sulla voce e sul verso antico epico. Musicalità e ritmica dal cabaret alla canzone italiana degli anni ’60.

Casa degli artisti 2020
Voce e Ritmo, a cura di Alessandro Nidi

Progetto co-finanziato dalla Regione Emilia-Romagna
Approvato con delibera di Giunta Regionale n. 401/2021
Progetto F.S.E. – Asse III – Istruzione e Formazione
Rif. PA 2020 – 15398/RER

X