Il Trionfo del Tempo e del Disinganno
intervista a Walter Le Moli

Nell’ambito di Parma Capitale Italiana della Cultura 2021 gli straordinari spazi della Chiesa di San Giovanni Evangelista di Parma, celeberrimi per gli affreschi del Correggio, diventano “teatro” della nuova produzione di Fondazione Teatro Due: l’allestimento in forma scenica, nei giorni 26 giugno alle ore 19.30 e 28 giugno alle ore 20.30, dell’oratorio Il Trionfo del Tempo e del Disinganno, libretto di Benedetto Pamphilj, musica di Georg Friedrich Händel.
Walter Le Moli, regista di prosa e di opera e fondatore del Teatro Due di Parma, nella sua lunga carriera ha curato importanti progetti teatrali fra i quali la riapertura del Colosseo in occasione del Giubileo del 2000 a Roma e, insieme a Luca Ronconi, il Progetto Domani in occasione delle Olimpiadi di Torino del 2006.

In questa intervista, realizzata in occasione dell’allestimento de Il Trionfo del Tempo e del Disinganno, ci spiega ciò che si nasconde sotto la superficie dell’opera scritta dal Cardinal Pamphilj, del monito ai potenti dell’epoca di smettere di bearsi della condizione presente e prepararsi invece ai profondi cambiamenti che sono nell’aria.

X