UNA BESTIA SULLA LUNA

di Richard Kalinoski
traduzione di Beppe Chierici

con Elisabetta Pozzi
e con Alberto Mancioppi, Fulvio Pepe Luigi Bignone

 

scene Matteo Patrucco

luci e video Cesare Agoni

costumi Ilaria Ariemme

musiche Daniele D’Angelo

regia Andrea Chiodi

 

produzione Fondazione Teatro Due, CTB Centro Teatrale Bresciano

Spazio Bignardi
16, 17, 18, 19, 20, 23, 24 gennaio 2018 ore 20.30
21 gennaio 2018 ore 16.00

Milwaukee, 1921. Aram Tomasian è fuggito dal genocidio Armeno in cui sono stati assassinati tutti i membri della sua famiglia. Rimasto orfano, vuole continuare la sua discendenza in America, ricostruirsi una famiglia. Sposa per procura una giovane Armena, Seta. Ma a volte la vita prende una strada diversa… Ne nascerà una storia d’amore difficile, in bilico tra conflitti e silenzi, tradizione e voglia di cambiamento, dolore del passato e speranze per il futuro. La storia di Aram e Seta è narrata come un ricordo attraverso le parole del loro figlio adottivo che, settantenne, racconta la sua vicenda e quella dei genitori, inevitabilmente legate alla storia tragica del genocidio Armeno.
Messo in scena in tutto il mondo e vincitore di cinque Molières in Francia, questo testo ci parla di esilio e di rifugiati, sul filo del dolore del passato e la speranza di un futuro da costruire.

Quando Elisabetta Pozzi mi ha proposto di lavorare a questo testo ho avuto un tuffo al cuore: io di famiglia in parte turca, di tradizione ebraica, un po’ sempre in esilio, messo di fronte a un tema, a una tradizione che in qualche modo mi sono vicine e che narrano di fatti tremendi, forse di colpe anche dei miei bisnonni… insomma una sfida. L’occasione però è di poter riaprire una ferita della storia, riparlarne, riscoprire che cosa è accaduto, tutto attraverso una relazione tra un uomo e una donna, una relazione che nasce dal dolore, una relazione che forse non sarebbe dovuta nascere, ma che nella sua genesi porta il desiderio di conservare una storia e una tradizione che si stava cercando di eliminare: quella Armena. Ecco allora che un amore costruito per procura può invece dar vita ad una speciale famiglia e parlarci di salvezza e amore per l’altro. Sullo sfondo però la tragedia del genocidio Armeno, ancora troppo dimenticato.

Andrea Chiodi

VEDI ANCHE

X